Ecco il tappeto hi-tech che aiuta i malati di Alzheimer

Il Club delle tre età mette a disposizione dei soci il telo intelligente che avvisa gli operatori se una persona affetta da Alzheimer(o con forti problemi di deambulazione) è scesa dal letto o è uscita di casa.

MANTOVA. Il tappetino intelligente che avvisa gli operatori se la persona affetta da Alzheimer (o con forti problemi di deambulazione) è scesa da l letto o è uscita di casa. A mettere a disposizione dei propri soci questo strumento è il Club delle Tre età di via Indipendenza. «Si tratta di uno strumento molto utile – spiega il presidente del Club, Luciano Tonelli – perché è in grado di avvisare i familiari o gli operatori se una persona affetta da questa patologia, ad esempio, scende dal letto e magari esce di casa di notte. Il tappetino ha dei sensori che mandano impulsi in grado di attivare un allarme sonoro o un avviso a distanza. Questo significa che in qualsiasi orario, il movimento di una persona che non è autonoma viene segnalata al parente o alla badante».LEGGI TUTTO

Scoperto un possibile biomarcatore early stage

Una modifica particolare delle proteine sinaptiche, detta SUMOilazione, potrebbe rappresentare un biomarcatore di Alzheimer in fase pre-clinica, cioè prima della comparsa dei sintomi, da ricercare nel liquor e forse anche nel plasma dei pazienti. Ma si spera che in prossimo futuro possa diventare anche un nuovo target di terapia. La scoperta, fatta presso l’Istituto di ricerca scientifica sul sistema nervoso (Ebri), fondato da Rita Levi Montalcini è pubblicata su Molecular Neurobiology

LEGGI TUTTO

Con OiX Care l’assistenza ai pazienti è più semplice

Alzheimer. Un nome tanto duro al suono quanto nella realtà. Una realtà che, specie nel nostro Paese, è fatta di famiglie piegate da sofferenze e impegni grandissimi. Se la ricerca da un lato continua a indagare cause e cercare rimedi, dall’altro la tecnologia può correre in aiuto di chi deve tutti i giorni gestire una persona affetta da questa patologia. A Smau 2016, fiera dell’innovazione tenutasi a Milano dal 25 al 27 ottobre, BiMag ha incontrato Michele Maltese, cofondatore e Ceo di Avanix, startup che sviluppa dispositivi wireless e indossabili dotati di sensori. Uno degli ultimi progetti è OiX Care, sistema per aiutare le persone che gestiscono familiari e pazienti con problemi di fragilità mentale, ma ancora in buone condizioni fisiche.LEGGI TUTTO

Iscriviti alle Newsletter

Iscriviti alla Newletter AIMA Parma

 

Iscriviti alla Newsletter Centro Alzheimer Visualizza le news Centro Alzheimer


Leggi le nostre norme sulla Privacy